21
luglio
20:30

Orchestra:

FVG Orchestra

Direttore:

Paolo
Paroni
(Italia)

Solista:

Zia Hyunsu
Shin
violino (Corea del Sud)

Programma:

Felix Mendelssohn

The Hebrides

Overture

Alexey Shor

Four Seasons of Manhattan

for Violin and Symphony Orchestra

Ludwig van Beethoven

Symphony No.8


Paolo Paroni

Direttore Ospite Principale del New York City Ballet dal 2014, Paolo Paroni ha lavorato presso orchestre e teatri lirici di rilevanza internazionale quali l’Orchestra Filarmonica Slovena di Lubiana, l’Orchestra Filarmonica di Zagabria, l’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Bulgara di Sofa, le orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Massimo Bellini di Catania, Teatro Verdi di Trieste, l’orchestra barocca Capella Savaria, la Pannon Philharmonic, l’Orchestra e Coro della Radiotelevisione Croata di Zagabria, la Sofa Festival Orchestra, la Big Band e Coro della Radio Nazionale Bulgara. Si è esibito in sale da concerto quali David H. Koch Theater al Lincoln Center di New York, Béla Bartók National Concert Hall al Müpa di Budapest, Tonhalle di Düsseldorf, Stadt-Casino Concert Hall di Basilea,
Kodály Centre Concert Hall di Pécs, Teatro Massimo Bellini di Catania, Bulgaria Concert Hall di Sofa, Teatro Lirico di Cagliari, Lisinski Concert Hall di Zagabria, Radiokuturhaus di Vienna, Teatro Olimpico di Vicenza, Teatro Filarmonico di Verona.


Paolo Paroni è appassionato cultore di prassi esecutive storiche e, nel contempo, convinto sostenitore e promotore di nuova musica. Il suo repertorio spazia dalla musica barocca alle più moderne opere
contemporanee ed ha al suo attivo oltre 70 prime assolute tra esecuzioni e registrazioni. Stimato per la sua programmazione originale e l’abbattimento delle barriere tra diversi generi, ha collaborato con artisti internazionali di ogni estrazione stilistica e culturale. Descritto dagli Swingle Singers quale
“direttore incredibilmente preciso e chiaro” (Berio, Sinfonia per otto voci e orchestra) e dall’Altenberg Trio Wien c ome “eccellente musicista, nel contempo deciso e delicato, determinato e premuroso, risoluto e sensibile” (Beethoven, Concerto Triplo), altre collaborazioni di Paroni annoverano
solisti del calibro di Stefan Milenkovich, Teresa Berganza, Mario Brunello, jazzisti quali Kenny Wheeler ed Enrico Rava, alcune delle più grandi ètoiles del Bolshoi di Mosca, Mariinskij di San Pietroburgo, Royal Ballet, Hamburg Ballet, New York City Ballet, diversi esponenti della World Music,
strumentisti rock e musicisti mediorientali.


Paolo Paroni è nato in Italia, dove ha studiato Composizione Principale e Organo, conseguendone il diploma a pieni voti. Ha poi completato gli studi di direzione all’Università per la musica e le arti interpretative di Vienna, dove si è diplomato cum laude. Tra i suoi maestri sono da annoverare
Gilberto Serembe e Uroš Lajovic.

Zia Hyunsu Shin

Violino

“… [Zia Hyunsu Shin] è una perfezionista, non lascia scivolare nemmeno una breve nota singola. È una scultrice che sa intagliare con chiarezza e svelare i contorni di una melodia. È una violinista che può svelare la profondità interiore della musica ... svelando melodie sensualmente intrecciate in modo elaborato."

Recensione del Recital in Auditorium (numero di dicembre 2010)

 

Zia Shin è una violinista che rappresenta la Corea del Sud, che ha sbalordito il mondo attraverso i suoi successi internazionali, senza aver studiato all'estero.

 

Nel 2008, Zia Shin ha ampliato la sua carriera nazionale e internazionale vincendo quattro prestigiosi premi al Long-Thibaud-Crespin Competition, che è un concorso internazionale di musica classica di fama mondiale in Francia, vale a dire il "First Great Prize of Académie des Beaux-Arts , "Il" Premio dell'Orchestre Philharmonique de Radio France ", il" Premio del Principe Alberto II di Monaco "e il" Premio degli studenti dei Conservatori di Parigi."

 

Partecipando ad oltre 100 esibizioni globali in Giappone, tutta l'Asia e altri paesi stranieri, Shin ha continuato a sfidare se stessa e alla fine ha ricevuto il "Premio Count de Launoit (Terzo posto)" al Concorso musicale Queen Elisabeth 2012 in Belgio, che è considerato uno dei più prestigiosi concorsi per strumentisti.

 

A partire dal 2012, Shin ha dimostrato ulteriormente la sua tenacia prendendo l'importante decisione di cambiare il suo nome coreano da "Hyun Su Shin" a "Zia Shin" al fine di renderlo più facilmente pronunciabile per il suo pubblico internazionale e avendo in mente una diffusione globale.

 

Zia Shin ha iniziato a suonare il violino all'età di quattro anni e, dopo essersi diplomata con lode sia alla Jeonju Middle School che alla High School for the Arts, nel 2004, è stata subito ammessa alla Korea National University of Arts Preparatory School come prodigio musicale. Sin da quando era piccola, Shin ha partecipato al programma Education for Art Prodigies presso la Korea National University of Arts, sotto la guida del violinista e del professor Nam-Yoon Kim.

 

Premi nazionali coreani:

 

●        1996: Honam Art Festival (Gran Premio)

●        1997: Hankook Children’s Daily Music Competition (1 premio)

●        1999: Ewha Kyunghyang Music Competition (1 premio)

●        2001: Concorso Nazionale di Musica Giovanile (Premio Ministero della Cultura e del Turismo e Gran Premio)

 

Premi internazionali:

 

 

●        2002: Yehudi Menuhin International Competition for Young Violinists (categoria Junior, 2 premio)

●        2003: 3 Concorso internazionale annuale Johansen per giovani suonatori di archi (1 premio)

●        2004: Concorso Paganini (3 premio senza 1 premio)

●        2005: Tibor Varga International Violin Competition (3 premio)

●        2005: Concorso internazionale di violino Jean Sibelius (3 premio)

●        2006: Joseph Joachim International Violin Competition Hannover (2 premio e Premio del pubblico)

●        2007: Concorso Internazionale Tchaikovsky (5 premio)

●        2008: Long-Thibaud-Crespin Competition (1 premio)

●        2012: Queen Elisabeth Competition (3 premio)

 

Shin è considerata un’artista straordinaria, avendo ottenuto numerosi premi riconosciuti a livello internazionale, pur senza aver ricevuto alcuna istruzione all’estero. Oltre a ricevere il "Grand Prize" al 1 Annual Shinhan Music Award nel 2009 e il "Talent Award of Korea" dal governo sudcoreano nel 2010, Shin si è esibita con numerose orchestre, tra cui: The National Symphony Orchestra ( NSO) di Washington DC sotto il Maestro Ivan Fischer; NHK Symphony Orchestra; Orchestra Filarmonica del Giappone; Tokyo Symphony; Orchestra Filarmonica di Osaka; Filarmonica di Nagoya; Sapporo Symphony; e la New Japan Philharmonic. Si è anche esibita alla Sala da concerto Tchaikovsky di Mosca e al Vienna Musikverein Golden Hall, così come con il Maestro Daniel Harding in Giappone e con il Maestro Gilbert Varga in Messico nel 2012.

 

A parte i suoi tour di trio di successo e le esibizioni al Festival musicale HKGNA con Myunghwa Chung e Yeol Eum Son, Zia Shin si è esibita anche in diversi festival musicali nazionali e internazionali, tra cui il Beppu Argerich Music Festival, il Copenhagen Music Festival, il Macao International Music Festival, Ishikawa Festival musicale e Festival musicale PyeongChang.

 

Nel 2015, Shin ha eseguito il "Triplo concerto di Beethoven" con il maestro di fama mondiale Myung Whun Chung, il violoncellista Mischa Maisky e l'Orchestra filarmonica di Seul . Nell'aprile del 2018, ha tenuto un recital di successo presso la Seoul Arts Center Concert Hall con la pianista Akira Eguchi, con la quale si era precedentemente esibita nel suo primissimo album di musica classica, "Passion".

 

Nel 2007, Shin si è esibita alla celebrazione dell'inaugurazione del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon tenutasi all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Ha partecipato al "Concerto dei Giochi Asiatici: Musica per Sport e Armonia" ospitato dall'UNESCO per celebrare i Giochi Asiatici di Guangzhou nel 2010. Shin ha anche eseguito la cerimonia di apertura ai Giochi asiatici di Incheon 2014. Nello stesso anno è stata nominata ambasciatrice di K-Classics in Corea del Sud.

 

Oltre alla sua esibizione alla vigilia della Gwangju Summer Universiade 2015, nel 2017, Shin ha eseguito il "The Butterfly Lovers Violin Concerto" a Pechino alla "Korea-China Cultural Exchange Night", di fronte al presidente sudcoreano Moon Jae- In e al presidente cinese Xi Jinping, per celebrare i 25 anni di vincolo diplomatico tra i due Paesi. Nello stesso anno, Shin è stata nominata come uno dei 25 artisti K-Arts più brillanti al 25 anniversario della Korea National University of Arts. Recentemente, Shin è stata invitata ad esibirsi al "To the Heroes" per commemorare il 70 anno della Guerra di Corea.

 

TV:

●        Ospite di "The Concert", programma KBS 1TV

 

Pubblicità televisiva:

●        Spot "Lancome", con le attrici Sung-Ryung Kim, Ji-min Han, Jain Kim

 

Discografia:

●        2005: "Toi" (Giappone)

●        2012: "Passion" (Corea e Giappone) / 2011, febbraio (Universal, AVEX)

●        2015: “Canto Antigo” 

●        2016: “Serenade solo”

●        2018: “Duo” con il violinista Richard Yongjae O'Neill

 

 

Il precedente violino di Zia Shin, uno Stradivari (1710), è stato generosamente prestato dalla Nippon Music Foundation, mentre la Kumho Asiana Cultural Foundation e la SooYoung Art Trade hanno prestato i propri vari violini, la Samsung Foundation of Culture ha anche prestato il suo precedente Stradivari. Attualmente Zia Shin suona un violino moderno di "Stephan von Baehr".

 

FVG Orchestra

La FVG Orchestra è una compagine sinfonica nata recentemente per volere della Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di raccogliere l'eredità musicale di diverse realtà di una zona di confine ricca di tradizioni musicali. Andando in controtendenza rispetto allo standard nazionale, si è voluto quindi investire sulla musica con la costituzione di una nuova orchestra, che spicca per talento e generosità artistica.

Seppur di recente formazione, l'orchestra ha tenuto concerti a Budapest nella bellissima sala che è stata sede del Parlamento ungherese, presso il Teatro Rossetti di Trieste, il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, il Teatro Verdi di Pordenone, il Teatro e Verdi di in tutta la Regione FVG.

Il ruolo di direttore ospite principale è affidato al M ° Paolo Paroni, già direttore ospite principale presso l'Orchestra del New York City Ballet e ospite di moltissime istituzioni sinfoniche in Italia e all'estero. L'orchestra lavora altresì con diversi direttori di chiara fama, mirando ad una crescita qualitativa esponenziale.

In questo progetto di progressivo sviluppo, la FVG Orchestra ospita regolarmente alcuni primi violini provenienti dalle più prestigiose realtà nazionali ed internazionali come la Filarmonica di Budapest, la Scala di Milano, la Rai di Torino, la Rai di Torino, e di altre compagini orchestrali.
La FVG Orchestra è uno degli enti promotori della rinascita dello storico festival dell'operetta a Trieste, sede ultracentenaria di questo particolare genere, ancora molto apprezzato da un folto pubblico in particolare della città giuliana, ma che l'orchestra vuole confusion regionali.

Negli ultimi mesi del 2020, caratterizzati dalla chiusura dei teatri a causa dell'emergenza pandemica da COVID-19, la FVG Orchestra è stata uno dei primi enti a livello nazionale a programmare e realizzare una breve stagione di concurtiment trasmess di una rosa di solisti e direttori d'eccellenza e coinvolgendo tutti i principali teatri della Regione FVG.
I professori della FVG Orchestra hanno singolarmente vinto primi premi a concorsi e premi internazionali e hanno collaborato anche con orchestre quali la Mahler Chamber Orchestra, l'Orchestra Mozart, l'Orchestra del Teatro alla Scala e Filarmonica della Scala, l''Orchestra Fiorentino, l'Orchestra del Gran Teatro la Fenice, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino, la Haydn di Trento e Bolzano, l'Orchestra dell'Arena di Verona, l'Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari e l'Orchestra del Teatro Verdi di Trieste.

← 3 agosto | 29 luglio

Teatro Comunale Luigi Candoni